Forte riduzione della flotta e taglio di circa 1200 posti di lavoro. Sono i punti principali del piano di ristrutturazione annunciato dalla compagnia tedesca airberlin, che porterà la società a concentrarsi sul proprio core business, focalizzandosi sui mercati ad alto rendimento a partire dai suoi due hub principali di Berlino e di Duesseldorf. A partire dall’estate del 2017 il vettore opererà con una flotta di 75 aerei, di cui diciassette A330 per il lungo raggio, quaranta A320 e diciotto Q400 per il corto e medio raggio. Per quanto riguarda la flotta in eccesso,la società intende fornire fino a 40 Airbus della famiglia A320 a Lufthansa con un accordo di noleggio con equipaggio della durata di sei anni. Circa 1200 saranno invece i dipendenti in esubero: la compagnia inizierà le discussioni con i sindacati per avviare le uscite a partire da febbraio 2017. Air Berlin è partecipata al 29% da Etihad Airways.

(trasporti-italia.com)

Naviganti.org