ATR annuncia che il lessor Avation PLC, con sede a Singapore, ha convertito due diritti di acquisto in ordini fermi per due velivoli ATR 72-600. Gli aeromobili saranno operati dalla compagnia aerea del Bangladesh US-Bangla, aumentando il numero di velivoli ATR del vettore da sei a otto. Inoltre, Avation ha acquisito ulteriori due diritti di acquisto per ATR 72-600 in sostituzione di quelli esercitati.

Questo sviluppo vedrà la compagnia aerea espandere le sue operazioni. Da quando hanno incorporato il loro primo ATR, la risposta del mercato è stata estremamente positiva sulla rete domestica e sui voli regionali, supportando la crescente economia del Bangladesh. L’aumento delle dimensioni della flotta ATR consente inoltre alla compagnia di aumentare la frequenza su determinate rotte, offrendo una scelta più ampia ai passeggeri.

Jeff Chatfield, Executive Chairman of Avation, ha commentato: “L’economia dell’ATR 72-600, la sua ampia base di clienti e le comprovate credenziali ambientali lo rendono una risorsa estremamente interessante sia per i lessor che per le compagnie aeree che operano in tutti i tipi di ambienti. Siamo lieti di promuovere la nostra partnership con US-Bangla, vederli espandere la loro impronta regionale e sviluppare la connettività in Bangladesh”.

Stefano Bortoli, CEO di ATR, ha osservato: “È piacevole avere due clienti soddisfatti nello stesso momento. US-Bangla sta continuando ad aumentare le dimensioni della flotta, mostrando le performance senza rivali dell’ATR nel fornire connettività regionale in tutto il Bangladesh. Sviluppiamo continuamente il nostro prodotto per garantire la soddisfazione di operatori e clienti. Gli aeromobili con elevati asset values sono essenziali per i lessors. Quando Avation, con il suo acume di mercato e la sua esperienza nel piazzare aeromobili, continua ad ordinare ATR, sappiamo che il nostro prodotto funziona per i nostri clienti”.

(Ufficio Stampa ATR – Photo Credits: ATR)

L’articolo ATR: due nuovi ATR 72-600 per US-Bangla Airlines proviene da MD80.it.


MD80.it
(Fonte: md80.it)