Dieci anni fa. Steve Fossett stabiliva record mondiale in aliante volando sopra i 15 mila metri

Losanna, Svizzera – Il record rimane ancora oggi

7498

(WAPA) – Dieci anni fa, ieri (29 agosto 2016) il famoso aviatore Steve Fossett stabilì il primato mondiale di volo a vela che rimane ancora oggi in piedi. In compagnia dell’ex-pilota collaudatore della Nasa Einar Enevoldson la coppia raggiunse una quota assoluta di 15.460 m durante il volo in montagna sopra le Ande, in Argentina.
Il volo è stato il culmine di successo del progetto Perlan, che era stato istituito nel 1999 da Fossett ed Enevoldson. Lo scopo del piano è stato quello di volare in aliante nella stratosfera, al limite dello spazio.
Il progetto è stato ispirato da una ricerca che Enevoldson aveva svolto nell’ambito del fenomeno poco compreso delle onde di montagna stratosferiche.
Queste sono enormi onde in atmosfera, spinte da forti venti, come quelli che soffiano sopra la parte superiore delle catene montuose come le Ande. Enevoldson ha teorizzato che un aliante poteva cavalcare queste onde fino al limite dello spazio. Decise di provare ed è diventato il progetto Perlan.
Nel lavorare con il meteorologo Elizabeth Austin, nel 1998 Enevoldson dimostrò che le onde di montagna stratosferiche erano arrivate a 39.000m. Un anno dopo Fossett accettò di finanziare il piano e divenne uno dei suoi piloti.
Sei anni più tardi Fossett e Enevoldson erano in Argentina per prepararsi al tentativo di record. Le tute spaziali vennero fornite dalla Nasa.
Quell’anno però il record non si raggiunse, ma fu rimandato l’anno successivo con un altro tentativo. Questa volta hanno avuto successo, raggiungendo 15.460m (50.722ft) ed infrangendo il prirmato precedente fissato a 507m.
Tornando sulla Terra hanno dichiarato che avrebbero potuto andare ancora più in alto, ma un problema con le tute pressurizzate significava che dovevano effettuare un volo più breve.
Dieci anni più tardi, e nove da quando Fossett morì tragicamente in un incidente con un aereo leggero, che aliante è ormai all’orizzonte. La missione Perlan II, ancora gestita da Enevoldson, sta cercando di far volare un aliante pressurizzato a 90.000 piedi, o 27.432m. Gli aerei di linea commerciali volano a 10.000.
Tramite l’utilizzo della loro conoscenza acquisita dal volo di dieci anni fa e dalla ricerca fatta da allora il team vuole utilizzare le onde della montagna per volare a 50.000 piedi, prima di usare il vortice polare e salire fino al limite dello spazio.
Il vortice polare è un sistema del tempo che ruota intorno ad entrambi i poli, nord e sud. I venti in questi possono raggiungere più di 300 km/h, consentendo alle onde di propagarsi verso l’alto della montagna e nella stratosfera.
La squadra Perlan 2 è stata a Calafate, in Argentina, a partire dall’inizio di agosto ed è intenzionata a rimanerci fino a settembre.
(Avionews)
(006)

-1177206
(World Aeronautical Press Agency – )

(Fonte: Avionews.com)