Dall’inizio dell’epidemia COVID-19, Emirates e dnata hanno adattato le operazioni in linea con le direttive e la domanda di viaggio.

La compagnia aerea ha mirato a mantenere i voli dei passeggeri il più a lungo possibile per aiutare i viaggiatori a tornare a casa in mezzo a un numero crescente di divieti di viaggio, restrizioni e blocchi dei paesi in tutto il mondo. Continua a mantenere international air cargo links vitali per le economie e le comunità, implementando la sua flotta di 777 Freighter per il trasporto di merci essenziali, comprese le forniture mediche in tutto il mondo.

Con molte delle compagnie aeree clienti che riducono drasticamente i voli o cessano del tutto i servizi, dnata ha significativamente ridotto le sue operazioni, con la chiusura temporanea di alcuni uffici attraverso la sua rete internazionale.

Ahmed bin Saeed Al Maktoum, Chairman and Chief Executive of Emirates Group, ha dichiarato: “Il mondo è letteralmente entrato in quarantena a causa dell’epidemia di COVID-19. Questa è una situazione di crisi senza precedenti in termini di ampiezza e scala: geograficamente, oltre che dal punto di vista sanitario, sociale ed economico. Fino a gennaio 2020, Emirates Group stava operando bene riguardo gli obiettivi finanziari. Ma COVID-19 ha interrotto improvvisamente e dolorosamente tutto ciò nelle ultime 6 settimane. In qualità di global network airline, ci troviamo in una situazione in cui non possiamo gestire in modo efficace i servizi passeggeri fino a quando i paesi non riapriranno i loro confini e ritornerà la possibilità di viaggiare. Entro mercoledì 25 marzo, sebbene continueremo a operare voli cargo che rimangono pieni, Emirates avrà temporaneamente sospeso tutte le sue operazioni passeggeri. Continuiamo a seguire da vicino la situazione e non appena le cose lo consentiranno, ripristineremo i nostri servizi. Emirates Group ha un bilancio solido e una sostanziale liquidità in contanti e possiamo, con un’azione appropriata e tempestiva, sopravvivere per un periodo prolungato di orari di volo ridotti, in modo da essere adeguatamente preparati per il ritorno alla normalità”.

Emirates Group ha adottato una serie di misure per contenere i costi, poiché le prospettive della domanda di viaggio rimangono deboli tra i mercati a breve e medio termine. Ciò comprende: rinvio o cancellazione delle spese discrezionali; blocco su tutte le attività di consulenza e assunzione non indispensabili; collaborazione con i fornitori per trovare risparmi ed efficienza; incoraggiare i dipendenti a prendere un congedo retribuito o non retribuito alla luce della ridotta capacità di volo; una riduzione temporanea dello stipendio base per la maggior parte dei dipendenti di Emirates Group per tre mesi, che varia dal 25% al 50%, i dipendenti continueranno a ricevere le altre indennità durante questo periodo; i presidenti di Emirates e dnata – Sir Tim Clark e Gary Chapman – subiranno un taglio del 100% del basic salary per tre mesi.

Sulla decisione di ridurre lo stipendio base, Ahmed bin Saeed Al Maktoum ha dichiarato: “Piuttosto che chiedere ai dipendenti di lasciare l’attività, abbiamo scelto di attuare un taglio temporaneo allo stipendio di base, poiché vogliamo proteggere la nostra forza lavoro e mantenere le persone di talento e qualificate, per quanto possibile. Vogliamo evitare di tagliare i lavoratori. Quando la domanda riprenderà, vogliamo anche essere in grado di accelerare rapidamente e riprendere i servizi per i nostri clienti. Emirates Group ha una forte liquidità, con una buona cash position, ma è prudente adottare misure per ridurre i costi in questo momento. Emirates rimane impegnata a servire i suoi mercati e non vede l’ora di riprendere un normale programma di volo non appena ciò sarà consentito dalle autorità competenti”.

Emirates Group monitora da vicino la situazione e mantiene contatti regolari con tutte le autorità competenti, in modo da poter attuare le ultime linee guida per mantenere i viaggiatori e i suoi dipendenti in salute.

“Questi sono tempi senza precedenti per le compagnie e l’industria dei viaggi, ma ce la faremo. La nostra attività sta subendo un colpo, ma ciò che conta a lungo termine è che facciamo la cosa giusta per i nostri clienti, i nostri dipendenti e le comunità che serviamo. Con il supporto e l’unità che abbiamo visto dai nostri dipendenti, partner, clienti e altre parti interessate, sono fiducioso che Emirates possa affrontare questa sfida ed emergere più forte”, conclude Ahmed bin Saeed Al Maktoum.

(Ufficio Stampa Emirates)

L’articolo Emirates sospende le operazioni passeggeri dal 25 marzo proviene da MD80.it.


MD80.it
(Fonte: md80.it)