Giallo su morte di principe saudita: elicottero abbattuto, o incidente? I risvolti… -2 VIDEO

Teheran, Iran – All’indomani dell’ondata di arresti fra principi ed illustri personaggi. Una storia intricata, fra lotte di potere e pretendenti al trono?

25572

(WAPA) – Sono rimbalzati come una pallina impazzita sui social network i rumor, ripresi oggi dal canale di notizie iraniano in lingua araba “Al-Alam News”, circa la morte avvenuta ieri sera del principe arabo-saudita Mansour bin Muqrin, annunciata in maniera scarna e senza ulteriori dettagli dal ministero dell’interno dell’Arabia Saudita. Ufficialmente deceduto per incidente elicotteristico. Guarda caso all’indomani dell'”epurazione” voluta da Riad con l’arresto sabato scorso -ed il congelamento dei beni personali- di oltre dieci principi e decine di ex-ministri nell’ambito di una vasta operazione anticorruzione. L’incidente è avvenuto nella regione dell’Asir mentre Mansour bin Muqrin effettuava sul suo elicottero personale -sembra un Sikorsky S-70A-1 Desert Hawk- insieme a sette alti funzionari governativi, un volo di trasferimento verso Abha, una quarantina di chilometri dalle coste del Mar Rosso, ufficialmente per impegni di lavoro.

Ma cosa nasconde il secco comunicato? Le indiscrezioni si fanno via via più dirette e precise: il principe sarebbe deceduto insieme ai sette funzionari in seguito all’abbattimento dell’elicottero per opera degli aerei caccia dell’aviazione nazionale. In realtà pare che il principe stesse andando all’estero proprio per sfuggire all’ondata di arresti, e per questo sarebbe stato ucciso. Ancora, insistono le indiscrezioni: anche l’operazione di “ripulitura” dalla corruzione in realtà nasconderebbe una cruenta lotta per il potere.
In particolare su questo punto si dilunga la tv iraniana in un articolo diffuso in rete. Sarebbe in atto un vero e proprio conflitto; una intricata vicenda dinastica all’ombra della corona, che solo per il momento si è conclusa con la morte di Mansour bin Muqrin, già vicegovernatore della provincia dell’Asir, e figlio di quel principe Muqrin bin Abdulaziz ex-direttore dei servizi segreti del Paese nonché erede alla corona pure lui. Non fosse che nel 2015 il titolo gli venisse tolto dal fratellastro Re Salman a favore del principe Mohammed bin Nayef, nominato ministro degli interni. Anche questi caduto però in disgrazia -continua “Al-Alam News”- nel giugno scorso, a favore del figlio 32 enne del re, Mohammed bin Salman. Quest’ultimo oggi “insediato” come primo in linea di successione al trono.
I rumor vedono nell’ondata di arresti che ha coinvolto non solo i principi più potenti, ma anche ufficiali militari, uomini d’affari influenti e ministri governativi -e nell’uccisione di Mansour bin Muqrin– un’insieme di mosse volte a cementare il potere del giovane erede della corona, conclude “Al-Alam”.

Sembra che fra le vittime figurino anche il vice dell’Emirato di Asir, Salman al-Jureish, il segretario sempre dell’emirato Saleh al-Qadi, ed il principe Sattam bin Khalid Al Saud. L’elicottero è scomparso dagli schermi radar nella serata di ieri ora locale; dopo un paio di ore è stato dato l’annuncio ufficiale della morte degli occupanti.

In basso, il video mostra i soccorsi; più in basso il principe sale sull’elicottero che precipiterà poco dopo:

(Avionews)
(Cla/Mos)

-1208246
(World Aeronautical Press Agency – )

(Fonte: Avionews.com)