Leonardo partecipa al Salone Dubai Airshow 2017 (12-16 novembre, Dubai World Centre, Dubai Airshow Site) presentando, in mostra statica e con briefing dedicati, un’ampia gamma di prodotti, soluzioni e capacità tecnologiche. I Paesi del Medio Oriente, alla ricerca di partner di lungo periodo, rappresentano un mercato strategico per Leonardo. L’azienda, che vanta una lunga presenza negli Emirati Arabi Uniti (EAU) – sotto il profilo commerciale, ma anche con collaborazioni nel campo della manutenzione degli elicotteri, nella cantieristica navale e nella ‘cyber security’ – e più in generale nella regione, espone durante il salone diverse soluzioni per applicazioni civili e militari, già in servizio nell’area oppure in grado di rispondere ai nuovi e futuri requisiti locali. Gli addestratori MB-339, impiegati dalla pattuglia acrobatica emiratina Al Fursan e protagonisti nel programma delle esibizioni in volo, e i numerosi elicotteri utilizzati nell’area e visibili in fiera, rappresentano alcuni esempi della solida presenza di Leonardo nella regione. 

L’azienda presenta per la prima volta in Medio Oriente un mockup in scala 1:1 della cabina del convertiplano AW609 in configurazione per ricerca e soccorso e la nuova versione Fighter Attack dell’addestratore M-346. L’AW609 unisce la versatilità dell’elicottero in termini di decollo/atterraggio verticale e volo stazionario con le prestazioni dell’aeroplano turboelica in termini di velocità, raggio d’azione e quota. L’AW609 è stato selezionato dal Joint Aviation Command degli EAU proprio per compiti SAR (Search and Rescue). Il nuovo M-346 Fighter Attack, equipaggiato con una variante del radar multifunzione Grifo, progettato e prodotto da Leonardo, è un’ulteriore evoluzione di un concetto di famiglia di velivoli progettati per rispondere rapidamente ai requisiti delle forze aeree mondiali. In mostra anche il moderno AW169 e l’elicottero a pilotaggio remoto di nuova generazione AWHERO. La presenza di Leonardo nel mercato elicotteristico regionale è significativa con oltre 230 unità ordinate da vari clienti, appartenenti a modelli AgustaWestland di nuova generazione impiegati per compiti civili e militari e supportati da una vasta serie di servizi di manutenzione e addestramento in loco. Oltre all’AW109 e al best-seller AW139, i nuovi modelli AW169 e AW189 hanno ulteriormente esteso la presenza regionale in particolare per il trasporto offshore e VVIP. Circa il 90% degli elicotteri VVIP in servizio negli EAU è prodotto da Leonardo.

Leonardo espone inoltre l’addestratore M-345, ultimo arrivato nella famiglia dei trainer di Leonardo. L’M-345 presenta costi d’acquisizione e operativi equiparabili a quelli di un addestratore turboelica, fornendo però al contempo ai piloti un’esperienza di volo più autentica grazie alle prestazioni tipiche di un velivolo a reazione. Nel settore dell’ala fissa, il recente contratto per i caccia Eurofighter del Kuwait rappresenta in assoluto il maggior ordine acquisito dall’azienda e segue i successi dell’Eurofighter in Arabia Saudita e Oman. Interessante per la regione anche il velivolo C-27J, capace di rispondere ai requisiti più rigorosi delle forze aeree. Questo velivolo può essere equipaggiato con sensori e sistemi specifici nella versione multi-missione (MC-27J) capace di coprire una vasta gamma di missioni e ideale per le esigenze dei Paesi del Medio Oriente.

Presente al Dubai Airshow anche una vasta gamma di sistemi a pilotaggio remoto, sistemi avionici e sensori. Tra questi il velivolo a UAS (unmanned air system) Falco EVO dotato del radar Gabbiano ultra-light e del sistema di autoprotezione SAGE, l’aerobersaglio teleguidato Mirach 40, il radar a scansione elettronica di seconda generazione Osprey, i sistemi di contromisure Miysis DIRCM e Britecloud, in quest’ultimo caso nei formati 55m e 218. A questi si aggiungono il sistema di identificazione amico/nemico M426 Mode-5 IF, il designatore laser Type 163 e i sistemi LED Search and Landing Light e ISTAR. A livello regionale Leonardo ha già fornito sistemi navali integrati e radar, sistemi per il controllo del fuoco, elettronica dedicati ai sistemi missilistici e radio militari e sta attualmente valutando nuove opportunità sia in campo navale che terrestre.

Cyber security e Spazio sono i settori di nuova focalizzazione negli EAU. Nello Spazio, Leonardo fornisce tecnologie per i programmi di osservazione della Terra KhalifaSat, in collaborazione con il Mohammed bin Rashid Space Center di Dubai, e Falcon Eye (attraverso la JV Thales Alenia Space – Thales 67%, Leonardo 33%) oltre a servizi satellitari attraverso Telespazio (Leonardo 67%, Thales 33%). Telespazio, che ha un ruolo di primaria importanza nel sistema europeo di navigazione satellitare Galileo, ha recentemente firmato un accordo con l’operatore emiratino Yahsat, che prevede una stretta cooperazione nei settori della navigazione satellitare, delle telecomunicazioni e della geo-informazione. Leonardo infine offre agli EAU e ai paesi dell’area le più avanzate competenze nella sicurezza e gestione delle nuove sfide legate alla cyber security e ai grandi eventi, con l’obiettivo di diventare un partner strategico in grado di creare valore attraverso collaborazioni di successo, grazie alla propria comprovata esperienza come fornitore globale di tecnologia innovativa. All’inizio di quest’anno Leonardo e International Golden Group (IGG), società di Abu Dhabi attiva nel settore della difesa, hanno firmato un accordo di collaborazione strategica per offrire prodotti di cyber security nel Paese. Leonardo e IGG collaboreranno alla progettazione e realizzazione di soluzioni avanzate e centri operativi di sicurezza (Security Operations Centres – SOC).

(Ufficio Stampa Leonardo)

(Fonte: md80.it)