Emirates possiede la più grande flotta al mondo di A380 e Boeing 777 e, per prendersi cura di questi velivoli, ha costruito il più grande hangar dedicato alla pittura mai avuto da una compagnia aerea.
Situato al Dubai International Airport, l’hangar è grande il doppio di un campo di calcio.
Nel 2013, nell’hangar di Emirates sono stati completamente sverniciati 21 velivoli (circa il 10% della flotta), ai quali è stata data una nuova mano di verniciatura. Ci sono volute, in totale, 6.550 ore ovvero 273 giorni lavorativi nonstop dedicati alla sverniciatura e alla pittura. Oltre a questi grandi progetti, le opere di pittura hanno riguardati altri 60.000 lavori di ritocco sia sugli esterni che sugli interni, anche nella cabina di comando.

“La livrea dei nostri aeromobili è uno degli aspetti più riconoscibili e visibili del nostro marchio. È quello che la gente vede in cielo, e la prima cosa che i nostri passeggeri vedono ai loro cancelli d’imbarco. Siamo orgogliosi di mantenere la flotta ai più alti standard possibili, ed è importante che i nostri aerei siano incontaminati sia all’esterno che all’interno”, ha affermato Adel Al Redha, Executive Vice President e Chief Operations Officer di Emirates.

Dopo ogni sette-otto anni di servizio, Emirates rinnova completamente la verniciatura dei propri velivoli sverniciandoli e ridipingendoli nella loro interezza. Un Boeing 777 richiede un team di 26-30 persone per essere sverniciato e ridipinto e l’intero processo richiede 12 o 13 giorni di lavoro.
Il primo A380 di Emirates, che entrò in servizio nel mese di agosto del 2008, sarà ridipinto completamente nel 2015.
 
 
 

Naviganti.org