Nuove frontiere del trasporto aereo: Uber annuncia partnership con Nasa -VIDEO

Lisbona, Portogallo – L’azienda ha fatto sapere che il sistema di aerotaxi attualmente in fase di sviluppo potrebbe fare i primi voli già nel 2020

25594

(WAPA) – Nel corso del “Web Summit” -conferenza sulle nuove tecnologie che si sta svolgendo a Lisbona (Portogallo)- Jeff Holden chief product officer della società californiana Uber ha annunciato una collaborazione con Nasa (National Aeronautics and Space Administration) per lo sviluppo di sistemi di gestione del traffico aereo a bassa quota di velivoli di piccole dimensioni e senza pilota.
Uber fornisce oggi in molti Paesi un servizio di trasporto automobilistico -mettendo in comunicazione autisti privati e passeggeri- e sta attualmente investendo su nuovi sistemi per la mobilità cittadina, in particolare su un servizio di aero-taxi a basso costo chiamato UberAir, presentato pochi mesi fa e che dovrebbe essere operativo per le olimpiadi di Los Angeles del 2028. Con l’occasione dell’evento di oggi Holden ha reso noto che i tempi potrebbero accorciarsi sensibilmente ed i primi voli sperimentali potrebbero avvenire a Los Angeles, oltre che Dallas e Dubai, già nel 2020.
Il sistema si basa sull’uso di un velivolo elettrico a decollo ed atterraggio verticale, in grado di trasportare quattro passeggeri tra appositi eliporti, all’interno di un sistema integrato di veicoli aerei e terrestri; in futuro Uber prevede che il mezzo sarà privo di pilota. Per quanto riguarda la costruzione del convertiplano secondo quanto riportato dalla stampa l’azienda avrebbe stretto accordi con Aurora Flight Sciences del Gruppo Boeing e con Embraer, Mooney, Bell Helicopter e Pipistrel Aircraft.

In basso, il video di presentazione di Uber Air flying car al “Web Summit” di Lisbona:

(Avionews)
(2017)

-1208317
(World Aeronautical Press Agency – )

(Fonte: Avionews.com)