Il vero problema del turismo italiano, oggi, è Alitalia. Luca Patanè, presidente di Confturismo, lo dice senza remore a margine dell’Assemblea nazionale di Federalberghi a cui ha partecipato come ospite.

Pubblicità

“L’Italia quest’anno avrà un buon risultato – spiega Patané – viste le condizioni difficili di altri Paesi. Quello che preoccupa veramente è la condizione di Alitalia, che lo scorso anno ha trasportato 23 milioni di passeggeri e adesso è in una situazione difficilissima”.

Secondo il presidente di Uvet e di Confturismo, infatti, il problema di Alitalia è molto sentito nel comparto turistico: “I commissari cercheranno di venderla e si creerà un grossissimo gap che crea preoccupazione tra gli operatori turistici”. Perché non c’è alcuna certezza che altri vettori coprano le rotte servite da Az: “Non so se questo gap sarà coperto da altre compagnie esistenti o da nuove che nasceranno – conclude Patanè – ma è fondamentale per un Paese avere un vettore che lo possa sostenere nello sviluppo turistico”.

Naviganti.org