RR ACCELLe ambizioni di Rolls-Royce di costruire il velivolo completamente elettrico più veloce del mondo hanno fatto un importante passo avanti con la presentazione dell’aereo all’aeroporto di Gloucestershire. I lavori inizieranno ora sull’integrazione del rivoluzionario sistema di propulsione elettrica per consentire all’aereo a zero emissioni di correre per i record con una velocità target di 300+ MPH (480+ Km/h) alla fine della primavera 2020.

L’aereo fa parte di un’iniziativa Rolls-Royce chiamata ACCEL, abbreviazione di “Accelerating the Electrification of Flight” ed è una parte fondamentale della strategia di Rolls-Royce per sostenere l’elettrificazione. Il progetto coinvolge una serie di partner tra cui il produttore di motori elettrici e controller YASA e la start-up Electroflight. La metà del finanziamento del progetto è fornito dall’Aerospace Technology Institute (ATI), in collaborazione con il Department for Business, Energy & Industrial Strategy and Innovate UK.

Rob Watson, Director of Rolls-Royce Electrical, ha dichiarato: “Costruire il velivolo completamente elettrico più veloce del mondo non è altro che un cambiamento rivoluzionario nel settore dell’aviazione e siamo lieti di svelare l’aereo del progetto ACCEL. Questo non è solo un passo importante verso il tentativo di record mondiale, ma aiuterà anche a sviluppare le capacità di Rolls-Royce e garantire che siamo in prima linea nello sviluppo di tecnologie che possono svolgere un ruolo fondamentale nel consentire la transizione verso un’economia globale a basse emissioni di carbonio“.

È stata anche svelata la cellula di prova ionBird, che prende il nome dalla tecnologia elettrica che spinge il velivolo. IonBird verrà utilizzato per testare il sistema di propulsione prima che sia completamente integrato nell’aereo. I test pianificati per i prossimi due mesi includono il funzionamento del sistema di propulsione fino alla massima potenza, nonché i principali controlli di aeronavigabilità.

ACCEL avrà il pacco batteria con la densità più elevata mai assemblato per un aereo, fornendo energia sufficiente per alimentare 250 case o volare 200 miglia (da Londra a Parigi) con una singola carica. Le sue 6.000 celle sono costruite per ridurre al minimo il peso e massimizzare la protezione termica. Un avanzato sistema di raffreddamento garantisce performance ottimali raffreddando direttamente le celle durante gli high-power record runs.

L’elica è azionata da tre high power density axial electric motors e rispetto a un aereo convenzionale le pale dell’elica ruotano a un numero di giri molto più basso. Combinati forniranno continuamente più di 500 cavalli. Anche durante il record run il gruppo propulsore completamente elettrico fornisce energia con un’efficienza energetica del 90% e, naturalmente, emissioni zero.

Chris Harris, CEO, YASA ha dichiarato: “La tecnologia dei motori elettrici YASA è ideale per alimentare il volo elettrico – i vantaggi che vediamo sulla strada sono amplificati nell’aria dove ridurre dimensioni e peso per una determinata potenza e coppia è ancora più importante. Condividiamo la stessa passione per l’ingegneria del team di Rolls-Royce e siamo lieti di collaborare con loro su ACCEL, un progetto che sta inaugurando una nuova era nel volo elettrico sostenibile”.

Il progetto ACCEL è solo uno dei modi in cui Rolls-Royce sta sviluppando la propulsione elettrica. Ciò include la collaborazione con Airbus per il progetto dimostrativo della tecnologia E-Fan X, che rappresenta un importante trampolino di lancio verso gli aeromobili commerciali ibridi elettrici nella scala degli attuali single aisle. Rolls-Royce sta anche collaborando con Widerøe, la più grande compagnia aerea regionale della Scandinavia, per un programma di ricerca congiunto sull’aviazione a emissioni zero. Il programma fa parte dell’ambizione della compagnia aerea di sostituire ed elettrificare la sua flotta regionale di oltre 30 aerei entro il 2030.

(Ufficio Stampa Rolls-Royce – Photo Credits: Rolls-Royce)

L’articolo Rolls-Royce svela un all-electric plane destinato a nuovi record proviene da MD80.it.


MD80.it
(Fonte: md80.it)