Trapani. 5 milioni di Euro per compensare i danni subiti nel 2011 dallo scalo aereo

Roma, Italia – Lo ha previsto un emendamento al decreto fiscale firmato dalla senatrice PD Orrù; sabato una conferenza stampa

10977

(WAPA) – Nell’ambito del decreto fiscale discusso in commissione Trasporti del Senato è stato approvato martedì l’emendamento che stanzia fondi a titolo di compensazione parziale dei danni economici subiti da Airgest -la società di gestione dell’aeroporto “Vincenzo Florio” di Trapani-Birgi- durante le operazioni militari della Nato in Libia nel 2011 per le conseguenti limitazioni imposte in tale circostanza alle attività civili dello scalo aereo.
Come ha spiegato la senatrice PD Pamela Orrù che è prima firmataria dell’emendamento, esso consentirà alla società di gestione “di compensare il debito verso l’Erario, dovuto al mancato versamento all’entrata del bilancio dello Stato di 4.815.995,10 Euro dei diritti previsti dalla legge n.324/1976, attraverso il credito maturato relativo al mancato ristoro, che era stato disposto dall’articolo 4 bis del decreto legge n.107 del 2011, dei danni subiti per le limitazioni alle attività aeroportuali civili del ‘Vincenzo Florio’ derivate dall’intervento militare nel Paese africano in applicazione della risoluzione n.1973 dell’Onu”.
Orrù ha sottolineato come l’aeroporto -“fondamentale” per il territorio- sia stato “fortemente penalizzato” nel 2011 e come sarà possibile adesso operare con una maggiore tranquillità finanziaria.
La stampa locale ha reso noto che una conferenza stampa è in programma sabato presso il “Vincenzo Florio”, un’occasione di confronto per fare il punto sull’aeroporto a cui parteciperanno la senatrice -che illustrerà i contenuti dell’emendamento-, il presidente di Airgest Franco Giudice, i sindaci dei Comuni del trapanese, Confindustria, Camera di commercio, sindacati e tutti i principali protagonisti del territorio.

Per approfondimenti vedi anche notizie AVIONEWS 1, 2 e 3 (Avionews)
(2017)

-1208532
(World Aeronautical Press Agency – )

(Fonte: Avionews.com)