Wto e aiuti all’aereo -777X di Boeing: commenti in coda… Parigi: gli Usa smettano di sovvenzionare Boeing

Parigi, Feancia – Una nota del ministero delle finanze francese ravviva le braci della querelle

18485

(WAPA) – Si fanno ancora sentire gli echi della decisione pronunciata lunedì scorso dal Wto, l’Organizzazione mondiale del commercio, in merito agli sgravi fiscali governativi concessi al gigante aerospaziale di Seattle, Boeing, per il programma del nuovo aereo B-777X. Il pronunciamento del Wto ha messo in chiaro che “Le sovvenzioni di miliardi di dollari pagate a Boeing dallo Stato di Washington sono in realtà sussidi ‘vietati’, poiché possono dar luogo a significative distorsioni del commercio”. Dando così ragione al rivale Airbus ed all’Europa in quest’ultima puntata della decennale lotta industriale a suon di carta bollata che vede impegnate in reciproche accuse Boeing ed Airbus, Europa e Stati Uniti.
In queste ore è riecheggiato anche il commento del ministero delle finanze francese, che in un comunicato ha intimato: “Gli Stati Uniti devono adeguarsi rapidamente con la decisione -del Wto, NdR- e porre fine a queste misure illegali”. In caso contrario il dicastero chiederà all’Unione europea di attuare misure punitive nei confronti di Boeing.
Forse dimentico degli aiuti che la stessa Airbus ha ricevuto dall’Europa, e puntualmente lamentati da Boeing innanzi al Wto.
Airbus Industrie è nata come un consorzio costituito da Francia, Germania, Regno Unito (poi fuoriuscito) e Spagna, come forza europea in grado di competere con Boeing. Dalla costituzione nel 1970 molta acqua è passata sotto i ponti e molte le trasformazioni societarie che hanno portato all’attuale configurazione. Una potenza che per decenni ha costituito insieme all’industria d’oltreoceano un duopolio che solo recentemente la Cina tenta di spezzare.
La sede principale era e rimane in territorio francese, e molti sono ancora gli interessi governativi nella questione. Ecco molro sommariamente spiegato il coinvolgimento che il governo francese e l’Europa hanno, così come Washington e gli Usa, nella annosa querelle.

Sull’argomento vedi anche le notizie e corredate dagli Speciali, pubblicate da AVIONEWS 1 e 2. (Avionews)
(Cla/Mos)

-1200481
(World Aeronautical Press Agency – )

(Fonte: Avionews.com)