Esteri

Il premier libico: aviazione contro gli scafisti

Un barcone in partenza dalla Libia

TRIPOLI, Libia — Il governo di unità nazionale della Libia insediato a Tripoli del premier Fayez Al Sarraj ha chiesto alle forze armate libiche di “usare l’aviazione” contro “l’emigrazione illegale”.

E’ quanto emerge da una comunicazione dell’ “Ufficio del Comando supremo dell’esercito libico al Capo di Stato maggiore delle forze aeree”.

Secondo quanto riferisce l’agenzia di stampa Ansa, nel documento si afferma che “siete pregati di prendere immediatamente e urgentemente le vostre misure di partecipazione alla lotta contro l’emigrazione illegale e il traffico di carburanti e suoi derivati attraverso l’uso dell’Aviazione e servendovi della forza in caso di necessità per impedire, in collaborazione con il Comando delle forze marittime, questo crimine”.

Sarraj, oltre che premier, è anche Comandante in capo delle milizie che costituiscono un “esercito libico” contrapposto a quello che comanda il generale Khalifa Haftar.

Naviganti.org