1.laconi.deposizione_corona.jpg

Lo scorso lunedì 29 agosto si è celebrato a Laconi, in provincia di Oristano, il 31°anniversario della tragedia aerea che vide la scomparsa dell’equipaggio della 46ª Brigata Aerea di Pisa. 
Il 29 agosto 1985, l’equipaggio del 98° Gruppo a bordo del velivolo G-222 denominato “Lupo 92” era impegnato in una missione di spegnimento di un violento incendio che minacciava le case del paese di Laconi, nel centro della Sardegna, quando precipitò a causa di una improvvisa turbolenza.  Nell’incidente persero la vita il Capo Equipaggio, Maggiore Fabrizio Tarasconi di Fornovo del Taro (Parma), il Tenente Paolo Capodacqua di Roma, il Maresciallo Lido Luzzi e il Maresciallo Rosario Ferrante.
L’ aereo era decollato poco dopo le 14:30 dallo scalo di Cagliari-Elmas. Qualche istante più tardi lo aveva seguito un altro "G-222" della 46esima Brigata Aerea, di stanza in Sardegna sin dall’ inizio dell’estate per fronteggiare la piaga degli incendi boschivi. Quando arrivarono sulla zona, nella quale era stato segnalato un vasto incendio, i militari dopo avere effettuato un giro di perlustrazione effettuarono lo sgancio del liquido ritardante. La disgrazia avvenne pochi attimi dopo.
Per ricordare i quattro militari che persero la vita in quel tragico giorno, la comunità di Laconi anche quest’anno, come ogni anno, si è stretta intorno ai familiari dei caduti, intervenuti per l’occasione, in onore dell’estremo sacrificio degli uomini dell’Aeronautica Militare.
Erano presenti alla celebrazione una rappresentanza dell’Aeronautica Militare della 46ª Brigata Aerea, dell’RSSTA di Decimomannu e del PISQ di Perdasdefogu, le autorità civili, religiose e militari nonché le associazioni militari, civili e dell’Ente Foreste della Sardegna.